Dr. Marcello Orazio Florita Psicologo Clinico e Psicoterapeuta Milano
Marcello Florita Psicologo Clinico e Psicoterapeuta Milano Marcello Florita Psicologo Clinico e Psicoterapeuta Milano Marcello Florita Psicologo Clinico e Psicoterapeuta Milano

Psicoanalista

"Io sono tutto ciò che vedo, sono un campo intersoggettivo, non malgrado il mio corpo e la mia situazione storica, ma viceversa essendo questo corpo, questa situazione e tutto il resto attraverso di essi."
(Merleau-Ponty).

Sono uno Psicoanalista ad indirizzo relazionale, specializzato in Psicoanalisi della Relazione presso la SIPRe e socio della Società Italiana di Psicoanalisi della Relazione. 

Vanto numerose pubblicazioni internazionali e nazionali, e la partecipazione a congressi di Psicoanalisi. Mi occupo di ricerca psicoanalitica e in particolare del rapporto tra Psicoanalisi e Complessità. 

Lavoro come consulente presso l'ospedale San Raffaele Turro (ex Ville Turro), la costola psichiatrica-psicologica dell'Ospedale San Raffaele di Milano (Gruppo Ospedaliero San Donato), nel reparto dei disturbi dell'umore (detto Psichiatria I) e presso l'ambulatorio corrispondente. 

Ho pubblicato un volume, edito da Franco Angeli, che descrive i recenti sviluppi del modello della psicoanalisi della relazione. La prefazione del volume è stata scritta dal noto genetista Edoardo Boncinelli e da Michele Minolli, un noto psicoanalista tra i padri della Psicoanalisi della Relazione in Italia. Il mio saggio è stato adottato dalla scuola di specialità in Psicoanalisi della Relazione (SIPRe). Recentemente è stato stampato un secondo volume che tratta l'argomento della complessità in psicoanalisi e fa parte di una collana denominata "I quaderni della complessità". 
Ho anche all'attivo alcune pubblicazioni sulla rivista Ricerca Psicoanalitica e l'introduzione e la prefazione della trilogia "Psicoanalisi e Teoria della Complessità nella scienza contemporanea"pubblicato nel 2014.

Le tecniche Psicoanalitiche che seguo sono a stampo relazionale, una psicoanalisi postfreudiana (nel senso che si supera la centralità del paradigma pulsionale di Freud), che trae le proprie origini dalle riflessioni di autori come Mitchell, Fairbain, Sullivan, etc... (per sapere di più sulla psicoanalisi clicca qui: cos'è la psicoanalisi? cosa fa uno psicoanalista? differenze psicoanalisi e psicoterapia). 
Questa corrente psicoanalitica nasce dall'esigenza di conciliare le recenti scoperte scientifiche con un paradigma psicoanalitico che si struttura sulla centralità della relazione. La matrice relazionale, nella teoria e nella tecnica, è dunque uno degli elementi cruciali della psicoanalisi contemporanea.

Per questo mi sento di definire il mio approccio psicoanalitico come una "psicoanalisi pratica" (definizione di Owen Renik, psicoanalista membro della società psicoanalitica di San Francisco). 
"Psicoanalisi pratica significa mantenere un'apertura mentale in relazione alla teoria, non attribuendo a nulla il valore dell'assioma; e significa conservare un approccio sperimentale nei confronti della tecnica - cercare, cioè, quel particolare metodo di lavoro che con quel particolare paziente consenta di procedere verso obiettivi terapeutici desiderati" (Renik). La formazione e l'attività lavorativa al San Raffaele sono state delle esperienze cruciali per confrontarmi con diversi approcci terapeutici e per completare ed aggiornare la mia formazione psicoanalitica, reinventando e adattando la psicoanalisi a casi più complessi. 

Il mio setting è solitamente il "vis a vis", che significa che si prediligono due sedie o poltrone una di fronte all'altra in modo che l'analista e l'analizzando siano l'uno di fronte all'altro. Il classico lettino viene usato principalmente da psicoanalisti appartenenti alla psicoanalisi Freudiana ortodossa. La scelta del "vis a vis" è giustificata da vari aspetti teorici, tra i quali la centralità della relazione.




(Sigmund Freud nel suo studio psicoanalitico)


"Fare lo psicoanalista non è mai semplice, quando sembra semplice, vuol dire che c'è qualcosa di sbagliato" (Stephan A. Mitchell).

informazioni



dr. Marcello Florita